Program: IN&OUT - CONTEMPORARY SLAVES

LPM Live Performers Meeting 2009 Rome
MAY 28th 31st 2009 Brancaleone Rome, Italy
Audio Visual Performing Artists Meeting
May, 31st 2009, 10:59 am |
May 28 - 31, 2009
Brancaleone, Rome Italy, Rome, Italy
IN&OUT - CONTEMPORARY SLAVES MAIN IMAGE

IN&OUT - CONTEMPORARY SLAVES

AV Installation

Duration: loop min.

Sunday, 31 May 2009 | 15:00 > 15:00 | Installations

In&Out - Contemporary Slaves richiama il costante e martellante accumulo di informazioni e sofferenze a cui l’essere umano e’ sottoposto, ma che, raggiunta la capienza massima, superata la soglia di tolleranza, esce fuori come un urlo di liberazione. Tutto quello che si incamera dentro vivendo nella quotidianità di un mondo difficile (IN) esce fuori in uno sfogo inconsueto, un esorcismo meccanico, tecnologico, robotico (OUT). Non è infatti proprio la tecnologia, dea della comodità e sublime strumento di comunicazione, ma anche di privazione e allontanamento dal vivere "naturalmente", che incide sul bisogno di evasione, di distacco e di sfogo nel nostro mondo interiore?
L’opera, come in altre precedenti lavori dell’artista (Humanity Lost, Il cammino degli antenati), accosta il video alla scultura. L’immagine in movimento, proiettata su una sfera concava, viene curvata dalla superficie del supporto, facendo si che il video divenga tridimensionale. Da elemento fondamentalmente virtuale esso diventa dunque materico, tangibile, reale. L’opera invade l’ambiente circostante e determina quindi anche il ruolo attivo dello spettatore il quale si trova a muoversi intorno ad essa, esplorandola, senza subirla, ma sentendosene complice. In questo modo egli si trova coinvolto nell’esperienza intima dell’artista, facendola propria.
Il video è caratterizzato da quattro momenti diversi, in cui l’attore si esibisce in urli sempre più potenti e provocanti. Dapprima un urlo intimo, che non riesce ad uscire, poi un urlo che aumenta di intensità, fino ad influenzare anche la fisicità del suo esecutore, come se le particelle di cui quest’ultimo è composto mutassero forma ed essenza. Un urlo talmente potente che una volta eseguito decostruisce totalmente il segno grafico, azzerando la tensione violentemente.
Le immagini e i suoni elettronici alterano l’ambiente, lo spazio e il tempo, rendendo omaggio ad opere come Come to Daddy, capolavoro di Chris Cunningham per la celeberrima canzone di Aphex Twin, pietra miliare della musica elettronica; L’Urlo di Munch, che visualizza la propagazione del suono attraverso l’alterazione del colore del contesto circostante; la pellicola VideoDrome di Cronenberg in cui il virtuale invade letteralmente il mondo reale, e i ritratti video di Bill Viola, solo per citarne alcune.
In & Out-Contemporary Slaves e’ un’originale riflessione sulla condizione odierna dell’essere umano, ridotto in schiavitu’ da una delle sue creazioni, la piu’ geniale e incontrollabile: la tecnologia. Ed e’ proprio la tecnologia, il video, il medium eletto dell’artista per rappresentare lo schiavo contemporaneo nel suo asservimento mentale ed emotivo e la sua lotta per la liberta’, di cui l’urlo e’ la penetrante metafora.

Gallery

  • Demoreel

Author